E’ andata così.

il 7 dicembre – giorno del suo compleanno – il mio compagno si è regalato e mi ha regalato un viaggio.

Era molto tempo che per questioni lavorative e famigliari non andavamo lontano e lui ne ha patito parecchio, a questo aggiungete che è stato un anno molto duro questo 2014 (ci siamo trovati a vivere un aggravamento della malattia di mia madre lavorando moltissimo e facendo avanti ed indietro da Domodossola anche 3 volte alla settimana per un periodo) e che io il 7 dicembre ero, sì sfinita di stanchezza, ma anche piena di lavoro e di preparativi per il 2015.

Paolo ha fatto anche il bel gesto di dirmi che era tutto assicurato e che quindi se volevo potevo anche non accettare senza creare tragedie economiche.

Io ho detto si.

Sembra assurdo, ma non è stato facile.

Lo confesso, a me andare così lontano non piace, ho iniziato a farlo solo da quando lo conosco ed ogni volta è stato un trauma.

Fino a che non ci siamo conosciuti per me viaggiare voleva dire girare l’Italia per mostre e concerti e poi andare a Londra naturalmente (anche se ho tutt’ora una insana passione per la Riviera Romagnola e per l’Austria).

C’erano anche i viaggi di lavoro ovvio: Dublino, Parigi, Bruxelles, Amsterdam, tutti gli hub europei delle multinazionali americane per le quali ho lavorato. E ancora Londra, ovvio.

Da un certo punto degli anni 2000 in poi però mi sono abituata a viaggi lunghi e frequenti, mi ricordo il mitico 2005: Messico, Bali, Egitto, Londra (tutto lo stesso anno, eravamo pazzi e tanto più ricchi).

Il 7 dicembre del 2014 erano ben 7 anni che non andavamo in Asia ovvero che non viaggiavamo secondo i parametri paoleschi, quindi nonostante le mie preoccupazioni lavorative e famigliari siamo partiti: è stata una esperienza interessante ed illuminante – del viaggio in sé ne voglio parlare con un post dedicato la settimana prossima – qui vi voglio raccontare cosa ho imparato:

– un popolo può essere autenticamente odioso o autenticamente disponibile e gentile solo che a colpo d’occhio purtroppo non si riesce a distinguere

– davanti alle disgrazie da viaggio PB ed io siamo un vero team: a questo giro siamo sopravvissuti ad un catamarano che surfava l’Oceano Indiano su  onde di 5 metri (non fatelo mai, non ho mai pregato così intensamente in vita mia) e alla sparizione di un bancomat (inghiottito da un ATM malandrino appena arrivati a KOH SAMUI) recuperato dopo varie telefonate ed imprecazioni neanche 24 ore dopo (siamo stati molto fortunati: in Tailandia non fate mai prelievi da sportelli bancomat che non hanno indicazioni in inglese GIA’ STAMPATE SULLA CABINA DI PRELIEVO)

– è ufficiale sono anziana, non ho mai sofferto per il jet lag, ma questa volta ci ho messo almeno 5 giorni a ripigliarmi e non è uno scherzo

– col jet lag è arrivata l’insonnia e tanti pensieri si sono amplificati, ho avuto modo di giocare con i miei cattivi pensieri per ore e questo è stato in realtà un bene

– la SCOPERTA PIU’ BELLA DI TUTTE PERO’ E’ STATA QUESTA: l’ultima volta a KOH SAMUI ero veramente molto infelice, continuavo a pensare che le persone che vivevano lì erano felicissime e fortunatissime. Quest’anno invece mi sono sentita io molto felice e molto fortunata perchè tornata a casa avrei avuto il mio lavoro e la mia attività che amo molto. A volte è difficile perchè ad esempio oggi sono VERAMENTE più povera che nel 2007 (e PB ne sa qualcosa), ma sono tanto tanto più contenta della mia vita. Sono tornata a Milano con un rinnovato vigore e motivazione a CREARE LA VITA CHE DAVVERO VOGLIO

– una mattina, credo il giorno di Santo Stefano, ho fatto gli esercizi per l’anno nuovo di Susannah Conway Pioveva a dirotto e ho scritto con calma per circa un’ora protetta da una tettoia di tek nel dehor di Starbucks nel centro di Chaweng, sono stata molto leggera e concentrata e ho scoperto che la mia parola per il 2015 è SELF CARE

 

COSA HO LETTO SOTTO L’OMBRELLONE

Saggi che non avevo fatto in tempo a finire durante l’anno: molto bello il libro piccolo ma denso di Mariachiara Montera, il libro di Francesca Marano sul business plan e il secondo libro di Jennifer Lee sull’arte di fare business con la parte destra del cervello

Romanzi belli e commoventi: questo di Lisa Corva fra i tanti, ma soprattutto la nuova serie della Beaton per Astoria (67 Clarges Street)

Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione possibile. Per dare il tuo consenso al loro utilizzo, clicca l'apposito bottone. Se vuoi approfondire, puoi visitare la pagina dedicata per capirne di più. Voglio approfondire

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi